Art511
Art Biennale Venice. Photo Laurence Hoffmann.

Biennale d’Arte Venezia, 2019 (fino al 24 Novembre, 2019)

Romanticismo, bellezza, silenzi e bonta’ gastronomiche, e un eccessivo turismo inclusivo di enormi diaboliche navi da crociera, questa e’ Venezia. Quest’anno,’ tra maggio e novembre, e’ possibile perdersi per i vicoli stretti della romantica citta’, ma anche ammirare le opere di alcuni dei maggiori maestri dell’arte contemporanea con l’Arte Povera dell’italiano Burri e il greco Kounellis, l’Arte Informale dell’italiano Vedova, il Neo Espressionismo del tedesco Baselitz, l’Art Brut dello svizzero Dubuffet, l’Astrattismo di un altro svizzero Jean Arp, e con le nuove opere degli artisti contemporanei Europei e di Asia, Africa, America Latina e Medio Oriente.

 

La Biennale d’Arte di Venezia e gli eventi collaterali concomitanti offrono una notevole panoramica del mondo dell’arte. Le opere sono state selezionate da curatori che hanno seguito la traccia data dal titolo della Biennale “May You Live In Interesting Times”. Il Direttore Artistico Ralf Rutgoff ha quindi posto una domanda al contempo esistenziale (il malessere individuale) e sociale (come far fronte ad una societa’ volta all’autodistruzione e al suo potenziale annichilimento). O, nelle sue parole della presentazione alla stampa, “la complessita’ dell’arte –i cui segni sono carichi di contraddizioni e ambivalenza- puo’ illuminare alcuni aspetti contemporanei dei nostri rapporti sociali e della nostra psiche”. Rutgoff vede nell’arte una funzione sociale in quanto “le opere piu’ interesanti ci propongono coinvolgenti punti di partenza, non conclusioni” e hanno “la capacita’ di ispirare nuove modalita’ di visione e comportamento…di mettere instancabilmente alla prova a in discussione gli standard e le norme culturali”. La questione a questo punto e’ se la societa’ ha ragione ad aspettarsi dall’artista che ricopra questo ruolo sociale di provocatore di piacere e di pensiero critico, o se puo’ essere lasciato nella solitudine bohemiennne dell’arte come piacere del piacere e il ruolo sociale e’ la proiezione subliminale dello spettatore.


Un’osservazione sulla Biennale, che e’ di gran conforto, e’ che la vecchia guardia sia ancora in realta’ all’avanguardia,  innovativa e radicale. Tant’e’ vero che sono artisti gia’ rinomati come l’indiano d’America Jimmie Durham (con i teschi di animali a troneggiare su corpi astratti di sculture ormai metafisiche)(Leone d’Oro alla carriera), l’Afro-Americano Arthur Jafa (con il pneumatico incantenato di dimensioni gigantesche)(Leone d’Oro come migliore artista), i belgi Jos de Gruyter e Harald Thys (con le loro animatronic figures)(menzione per il miglior padiglione nazionale) ad avere ottenuto i riconoscimenti officiali. Tra i padiglioni nazionali dei Giardini e dell’Arsenale, uno dei miei preferiti e’ stato proprio quel padiglione nazionale premiato: il Padiglione Belga. Li’ le minacce esistenziali della società di oggi in uno squilibrio evidente tra i compiti tradizionali e le arti vengono messe in scena con pupazzi realistici, raccapriccianti, di dimensioni umane che suonano uno strumento musicale o si cimentano in mormorii evocativi.

In generale, molti sono i video in cui le angoscie individuali sono presentate in contesti metaforici o iperrealisti. Per esplicita contraddizione la perdita dell’individuo nel mondo diventa ancora piu’ esemplare.

Percorrere gli spazi espositivi, immergersi nelle stanze buie, ascoltare da lontano i suoni, camminare nel labirinto dei padiglioni nei Giardini e dei locali dell’Arsenale, puo’ essere un’avventura affascinante, durante la quale sentirsi come Alice che rincorre il coniglio bianco (anche se talvolta e’ Gulliver, incantenato dai lillipuzziani ad avere il sopravvento sull’immaginazione). Forse e’ bene lasciare che la meraviglia e lo sgomento siano gli stati mentali nell’incontro con le opere dei cinesi Sun Yuan and Peng Yu (con il gigantesco marchingegno con un super pennello che sparge sangue in una scatola di vetro), l’Argentino Tomas Saraceno (con le nuvole musicali veri e propri inni alla natura, , e le ragnatele), il britannico Ed Atkins (con i video di visi in lacrime e di corpi vivi tra le fette di pane, leggere eppure cosi emotivamente pesanti) e uno tra i piu’ politici e politicizzati lo Svizzero Christopher Buechel che ha portato la barca di pescatori affondata vicino alle coste libiche causando il naufragio di 800 immigranti, ora provocatoriamente sulla sponda dell’Arsenale.


Gli eventi principali e quelli collaterali si svolgono negli spazi della Biennale dei Giardini e dell’Arsenale o nei più bei palazzi, nei magazzini reinventati per celebrare l’arte, chiese e musei. Diversi giorni vissuti intensamente e alacremente potrebbero non essere sufficienti per delineare l’intera proposta artistica della Biennale. Prendetevi tempo. Passeggiate. Soffermatevi. Ritornate sui vostri passi dopo aver esplorato altri spazi. Forse questo e’ l’auspicio della Biennale, che il presente sia interessante, senza bisogno di indulgere nel passato o abbandonarsi alla frenesia della gettata nel futuro.

Posted in Art

Laurence Hoffmann (Switzerland)

Laurence graduated in Analytical Philosophy with a PhD. in “Metaphor: A Ghost at the Edge of Language”, where she examined the parallels between games of words and the “The Empire of Lights” by Magritte.

With her Wildside Media, established to create and promote cutting-edge projects, she went on to produce international documentaries (notably “I Only Wanted To Live” an Italo-Swiss-USA production co-produced with Steven Spielberg) and to work extensively in short and long feature films and in cultural events.

In 2009 she moved to New York City. She has collaborated with film festivals and international film producers. She creates documentaries and experimental

films to be published on Wildside-Media.com and youtube.com. Some of her art work have been exhibited in NYC (WestBeth Gallery in 2012, Burger and Lobster group show on City Views and in 2018, Eminent Domain: Intersectional feminist Art Exhibition curated by Art511 Magazines at the Former Miller Gallery) and her more recent video will be screened during the Biennale in Venice (2019) at the Palazzo Papafava, curated by Alive in the Universe , UK.

In 2013 she started reporting on socio-cultural phenomena for the art magazine published on print by Scotto Mycklebust and since 2017 she is the contributing editor to Mycklebust’s online Art511 Magazine.

www.wildside-media.com Laurence@wildside-media.com (917) 213 1917

Website:

Email:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Submit Your Work

Learn more about how to be featured on our Top Ten List of Artists.